News: Consegnata la Bandiera Gialla a Ponte di Legno

13/07/2017
Consegnata la Bandiera Gialla a Ponte di Legno Giusto riconoscimento al comune di Ponte di Legno per l’area sosta camper.
 
E’ stata assegnata al Comune di Ponte di Legno la Bandiera Gialla per l’area sosta camper, dotata delle basilari attrezzature e per l’accoglienza ai “turisti del Movimento” da parte della Federazione Nazionale A.C.T.Italia.
La Bandiera Gialla A.C.T.Italia è un riconoscimento di qualità destinato alle strutture/località che si distinguono per investire in accoglienza e servizi, a favore del “Turismo del movimento”, specialmente a quelle minori dell'entroterra e delle fasce costiere.

ACTITALIA, con la sua rete di Club sparsi su tutto il territorio nazionale, intende stringere accordi con quelle comunità locali, con il preciso scopo di collaborare al loro sviluppo economico, incentivare e promuovere occasioni di genuina accoglienza e aiutarli a realizzare attrezzature capaci di favorire integrazione tra il turista – ospite e la cittadinanza locale.
Alla comunità locale o Organismo diverso di tipo territoriale, che dimostri di accettare di buon grado il “Campeggiatore Turistico” e che mette a disposizione del suo equipaggio consoni servizi ed attrezzature.
E’ con queste motivazioni che il comune di Ponte di Legno, comune virtuoso e attento ai problemi dei tanti turisti che fanno uso dei camper come “stile di vita”, ma diverso dal turismo tradizionale, si è meritato tale encomio. Ricorda che le aree sosta meritevoli di tale riconoscimento sono una cinquantina in tutto il territorio nazionale.
Il Vice Presidente di A.C.T.Italia, Giuseppe Mattiello, consegnando la targa al sindaco ha portato i saluti della Federazione ed in particolare del suo Presidente Pasquale Zaffina. Si è espresso con molto entusiasmo ed ha soprattutto elogiato Delia Franceschetti ed il suo staff, gestore dell’area sosta per la meravigliosa ed efficace accoglienza ai camperisti.
Al sindaco Aurelia Sandrini un infinito grazie, a lei e tutto il suo gruppo amministrativo e non, per aver recepito e gestito la nuova tipologia turistica che oggi più che mai è presente nel territorio nazionale e che destina risorse non indifferenti al territorio ed alle varie tipologie merceologiche in esso presenti.